Una festa emozionante quella vissuta dai nostri alunni delle classi terze, a conclusione del primo ciclo di Istruzione. Il party, ispirato alle feste americane di fine High School, ha visto la partecipazione di tanti genitori e di varie Autorità locali, che unitamente al nostro Dirigente Scolastico si sono complimentati con i nostri ragazzi ed hanno augurato loro un brillante proseguo della carriera scolastica. Momento clou della manifestazione è stato il lancio in aria dei cosiddetti "tocchi", il classico cappello a forma quadrata, tipico delle High School americane. Un doveroso pensiero è stato rivolto anche agli studenti ucraini, che a causa della guerra stanno vivendo un drammatico anno scolastico, con la speranza che anche loro possano ben presto ritornare serenamente tra i banchi di scuola. 




 

E’ con grande orgoglio che la nostra Scuola raccoglie l’appello lanciato dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione per il 30° anniversario della strage di Capaci, esponendo in Piazza Magione, nel  cuore della Palermo antica, un lenzuolo dipinto dai nostri alunni, ispirato alla giovane Rita Atria, collaboratrice di giustizia,  morta suicida una settimana dopo la strage di via D’Amelio, dove morì Paolo Borsellino, suo vero punto di riferimento.

I palermitani che vorranno accettarlo in prestito per il periodo del progetto potranno esporlo sui propri balconi a testimonianza dell’impegno della scuola italiana che, unita, ricorda i troppi caduti nella lotta alle mafie.

 




 

Oggi 8 Febbraio 2022, presso i locali del IV I.C."S.Quasimodo" si è effettuata la consegna delle certificazioni Cambridge ( YLE Movers A1- YLE Flyers A2 ) rilasciate dall' Academy Srl di Siracusa , a seguito dei corsi PON (30 ore ciascuno) svolti dai Tutor : Gibilisco - Gervasi - Carbonaro e dagli esperti madrelingua: Calafiore Amalia- Valentino Silvia e Monarca Lindsay.
L' Academy Cambridge si congratula con il nostro Istituto in quanto una delle poche scuole che, nonostante gli ostacoli legati alla pandemia, è riuscita, nel rispetto delle regole dettate dalla normativa antiCovid, ad organizzare corsi ed esami finali per dare sempre e comunque opportunità di crescita linguistica e culturale ai nostri alunni.
Gli alunni hanno dimostrato impegno, volontà ed entusiasmo verso tutte le attività linguistiche proposte raggiungendo risultati più che soddisfacenti nelle singole competenze- skills.

La formazione e il livello di conoscenza della lingua inglese inizia da qui ...ed è riconosciuto in tutto il mondo!!

 




 

 

 

 

 

               

  L'aula bunker di Palermo                   

Alcuni intervenuti all'evento.

In ordine:  Don Ciotti, Maria Falcone, Alfonso Pecoraro Scanio        




   

 

"A ricordare e riveder le stelle" è lo slogan, di quest'anno, promosso dall'Associazione "Libera", presieduta da don Luigi Ciotti, in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Anche quest'anno, nonostante la surreale situazione che stiamo ancora vivendo, la voglia di esserci e la capacità di rendersi attivi e vicini ai familiari delle vittime ha prevalso. Non a caso "A ricordare..." è riferito a coloro che hanno perso la vita per mano mafiosa: 'tornare' e essere 'nuovamente' ricordati per rivivere nella nostra capacità di fare memoria. "... e riveder le stelle", palese riferimento all'ultimo verso dell'Inferno della "Divina Commedia" di Dante Alighieri, di cui tra pochi giorni ricorreranno i settecento anni dalla sua morte.
Il desiderio di "riveder le stelle" e di uscire dall'inferno della pandemia, ad un un anno di isolamento e distanziamento, è un desiderio forte tra tutti noi cittadini. E le stelle sono anche le persone che ogni giorno si battono per la giustizia sociale e la legalità democratica, fari del nostro operare ed esempi ai quali guardare.
Il titolo della Giornata vuole dunque essere un inno alla vita, allo sguardo verso un orizzonte migliore e nitido da costruire insieme, senza dover dimenticare il sacrificio compiuto da uomini, donne e bambini che hanno perso la propria vita per mano della violenza mafiosa, per difendere la nostra libertà e la nostra democrazia.
Un plauso a tutti i nostri ragazzi che, attraverso la realizzazione dei lavori, guidati dalle docenti dei Dipartimenti di Lettere e di Arte, non hanno voluto dimenticare chi ha sacrificato la propria vita per il bene comune, ricordando le vittime delle stragi, del terrorismo e del dovere.